• Armi Italiane

    Armi Italiane

    Nasce il nuovo portale di riferimento per le Armi Italiane!
  • Bernardelli Hemingway

    Bernardelli Hemingway

  • Bernardelli Mega

    Bernardelli Mega

  • Beretta 98FS

    Beretta 98FS

  • Coltelli di pattada - Sardegna

    Coltelli di pattada - Sardegna

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Banner Beretta
Tecnologia

Tecnologia (9)

05 Dicembre 2017

La Parker Hale era una ditta britannica che costruiva armi da fuoco e ad aria compressa nel “Quartiere delle Armi” di Birmingham in Inghilterra. I fondatori furono Alfred Gray Parker e suo nipote Arthur Thomas Hale che, tra la fine dell’800 e l’inizi del 900, intravidero la possibilità di fare fortuna in un momento decisamente favorevole per chi intendesse costruire armi.

Leggi tutto...
02 Febbraio 2018

L’Ethos ha un piacevole design caratterizzato da linee asciutte, snelle e slanciate, che danno un’impressione anche visiva della leggerezza del fucile, della sua estrema maneggevolezza. Questo si evince ancora meglio nel 20, particolarmente elegante grazie alle sue linee ancora più filanti, viste le minori dimensioni.

Leggi tutto...
14 Dicembre 2018

Il duemiladiciotto, in casa Benelli è inizia con il botto. La casa urbinate è uscita con un nuovo capitolo della saga dei Raffaello, il semiautomatico di punta dell’azienda.

Leggi tutto...
30 Novembre 2016

Scopriamo insieme con questo articolo la storia e la produzione di fucili express della rinomata fabbrica d’armi S.I.A.C.E.

I F.lli Giuseppe e Ivano Gelmini, titolari della Fabbrica d’Armi e Riparazioni S.I.A.C.E., nascono e vivono in Valle Trompia e, fin da bambini, si avvicinano al mondo della caccia seguendo la tradizione di famiglia. In quegli anni la città di Gardone Val Trompia presenta un fitto tessuto artigianale ed armiero. I giovani fratelli iniziano ad apprendere nelle piccole botteghe artigiane il lavoro di armaioli. Giuseppe apprende la lavorazione del legno diventando calcista, mentre il fratello Ivano si occupa della meccanica. Raggiungono così una grande esperienza e nel 1990 rilevano la S.I.A.C.E., fondata già nel 1950.
I due fratelli, essendo entrambi cacciatori ed appassionati di doppiette, si specializzano nella produzione di raffinate doppiette a cani esterni e interni, in tutti i calibri, con calciature di pregio ed incisioni eseguite esclusivamente dai maestri incisori bresciani. Pur essendo sempre alla ricerca di nuove soluzioni tecniche, la S.I.AC.E. rimane orgogliosamente artigiana e l’impegno dei f.lli Gelmini fa crescere l’attività ed ampliare la produzione. Nel 2002 i due fratelli vengono affiancati dai figli: Ferdinando e Daniele, i quali continuano la gestione dell’officina, ognuno con una propria specializzazione. L’entusiasmo, l’operosità e il gusto creativo delle nuove generazioni, unito all’esperienza dei f.lli Giuseppe e Ivano ed alle nuove tecnologie, portano alla creazione di ulteriori modelli come le doppiette express a cani esterni ed interni, ed i nuovi sovrapposti.

Il risultato è un prodotto di alta qualità, assoluta affidabilità e robustezza, senza tralasciare i pregi di leggerezza, precisione e bellezza estetica.
La fabbricazione della maggior parte dei fucili S.I.A.C.E. avviene su specifica ordinazione del cliente, il quale può decidere della sua arma fin nei più piccoli dettagli tecnici ed estetici. In azienda il cliente può selezionare il suo legno, decidere della sua incisione e di tutta una serie di optional che rendono la sua arma davvero unica.

I f.lli Gelmini inoltre forniscono un servizio specifico e completo di assistenza e riparazione, non solo per le proprie armi, ma per armi di ogni marca e modello.
Oltre alla licenza di riparazione delle armi comuni da sparo, si affianca anche quella di vendita diretta, la S.I.A.C.E. è rivenditrice ufficiale delle maggiori marche di armi attualmente sul mercato.

Vediamo nel dettaglio alcuni dei modelli Express firmati da S.I.A.C.E.

Modello 370B Express

siace 2

La 370B EXPRESS è la nuova doppietta express con canne rigate ideata sulla base della tradizionale doppietta a cani esterni con canne lisce. Creata per coloro che apprezzano il disegno tradizionale, ma che allo stesso tempo vogliono affidarsi ad un'arma competitiva ed affidabile. La canna è ad accoppiamento integrale, con rampone "a culla" sui due tubi e tarata ad una distanza variabile in base al calibro ed alle esigenze del cliente. La saldatura delle bindelle a stagno permette il montaggio di un’eventuale ottica. La bascula è arrotondata, chiusa in cerniera e con batterie laterali alloggiate nell'acciarino posteriore; inoltre è rinforzata per assorbire la potenza dei colpi. La chiusura è doppia all'inglese. Per una maggior sicurezza, la doppietta è dotata di sicura manuale al dorso. Il grilletto a scatto con "stecher" il quale alleggerisce notevolmente la pressione per lo sgancio della massa battente. L'incisione della bascula è un minuzioso cesello realizzato a mano, ma lo stile dell'incisione è sempre personalizzabile a richiesta. Anche la calciatura in noce selezionato può essere scelta dal cliente direttamente in fabbrica, per poi venire lavorata a mano e su misura.

Disponibile nei calibri 8x57JRS, 9,3x74R, 30R Blaser / altri calibri a richiesta.

⦁ Calibro: a richiesta
⦁ Lunghezza canne: a richiesta
⦁ Bindella: piana, rabescata a mano
⦁ Mirino: tacca di mira a V fissa e mirino in ottone o fibra ottica
⦁ Canne: integrali, acciaio Cromo-Molibdeno
⦁ Bascula: arrotondata, rinforzata, chiusa in cerniera, batterie laterali
⦁ Chiusura: doppia all'inglese
⦁ Incisione: "cesello" a mano / incisioni speciali e soggetti a richiesta
⦁ Trattamento: bascula cementata e temperata
⦁ Sicura: manuale al dorso
⦁ Estrattori: manuali
⦁ Grilletto: bigrillo
⦁ Calcio/Astina: in noce selezionato, finiti e zigrinati a mano / calcio su misura


Alaska EL

siace 3

Versione con cartelle laterali lunghe. La doppietta express ALASKA EL mantiene le caratteristiche di robustezza, affidabilità e precisione di tiro delle sorelle express ALASKA in versione Standard e Lusso, ma si arricchisce di finiture prestigiose. Con la bascula rinforzata e le canne in acciaio Cromo-Molibdeno, la doppietta ALASKA EL viene prodotta con la massima cura dei particolari: bascula cementata e temperata, finita in "argento vecchio" e incisa interamente a mano in stile "floreale"; canne accoppiate con sistema monoblock, tarate a 50 metri e impreziosite da bordi in oro alla culatta; calcio in noce rigorosamente selezionato, incassato a mano su misura del cliente, lucidato e zigrinato a mano secondo la tradizione artigiana ed arricchito da coccia in acciaio alla pistola. L'asta è a castoro-becco d'oca. A richiesta sono il montaggio di attacchi per ottiche e le canne intercambiabili lisce in cal. 20 - 28 - 410.

Disponibile nei calibri: 7x65R - 9,3x74R - 30-06 Springfield - 45/70 - 444 Marlin - 30R Blaser - 8x57JRS / altri calibri a richeista.

⦁ Calibro: a richeista
⦁ Lunghezza canne: a richiesta
⦁ Bindella: a rampa, zigrinata a mano, antiriflesso
⦁ Mirino: tacca di mira a V fissa, mirino in fibra ottica fisso su rampa
⦁ Canne: monoblock, acciaio Cromo-Molibdeno
⦁ Bascula: fianchi rinforzati, batterie Anson-Deeley
⦁ Chiusura: doppia, con tassello trasversale
⦁ Incisione: "floreale" a mano / incisioni speciali e soggetti a richiesta
⦁ Trattamento: bascula cementata e temperata
⦁ Sicura: manuale al dorso
⦁ Estrattori: manuali / automatici con sovrapprezzo
⦁ Grilletto: bigrillo / monogrillo con sovrapprezzo
⦁ Calcio/Astina: in noce selezionato, zigrinati e lucidati a mano, calcio su misura
⦁ Peso arma: kg. 3,5 c.a.


S.I.A.C.E. di Gelmini Giuseppe e Ivano & C. s.n.c.

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. +39 030 89 12 613
Fax: +39 030 89 11 518

Leggi tutto...
04 Ottobre 2016

Nel mese di Luglio, avevamo riportato  una novità della Bernardelli, ovvero la nuova e sofisticata Canna VB Performer realizzata di recente dalla nota Industria di Torbole di Brescia.

Riteniamo opportuno riassumere alcuni dei dati tecnici che l’Azienda ci aveva inviato, dal momento che con la Performer , montata su un semiauto Bernardelli Mega calibro 12, abbiamo poi effettuato un test sia sul terreno di Caccia che nel Tunnel di Prova, per renderci conto delle sue caratteristiche salienti.

 

Si tratta di una canna che esce  dall’usuale, visto che in un certo senso si tratta di un ritorno al passato, con una strozzatura fissa, ma che per le sue caratteristiche innovative, propone notevoli performances grazie alla sofisticata tecnica con la quale è costruita.

Di fatto è sì in qualche modo un ritorno alla strozzatura fissa, ma che è studiata ed adeguata al munizionamento attuale, ben diverso da quello del passato e in vari parametri come le polveri, le pressioni, le nuove borre di plastica ecc. ecc.

Per cacce particolari e specialistiche, dove non necessita la versatilità che invece offrono le canne a strozzatori intercambiabili, una strozzatura fissa e adeguata, risulta certamente più incisiva e può regalare quelle soddisfazioni che ancora alcuni cacciatori trovano in  armi o canne dal concetto classico-moderno.

E’ ovvio che non si tratta soltanto di “una strozzatura fissa”, sarebbe stato troppo semplice, ma è una forte evoluzione che Bernardelli ha voluto realizzare, partendo dalla grande esperienza nelle canne delle sue doppiette note ed apprezzate in tutto il mondo. Di fatto studi e prove continue sono state effettuate al fine di aggiungere “un qualcosa in più” a canne che rappresentano già un eccellenza di prestazioni.

 

L’Azienda, agendo contemporaneamente su geometrie interne ed esterne non solo, ma sui coni di raccordo e di strozzatura a grande sviluppo, è riuscita a portare al massimo livello le caratteristiche di elasticità delle canne in ogni punto della loro sezione ed una gradualità di spinta dei pallini sia nelle porzioni cilindriche che in quelle coniche della canna.

Le canne Bernardelli che come si sa, sono ricavate da foratura piena e materiale al Cromo-Molibdeno (42CrMo4), risultano prive di tensioni meccaniche e termiche, e questa condizione è  necessaria e indispensabile per ottenere le migliori prestazioni. Secondo l’Azienda di Gardone, tre sono le parole chiave che contraddistinguono le canne  “V.B.PERFORMER”:  Elasticità- Gradualità- No Stress.

In aggiunta a queste caratteristiche per l’ottenimento delle quali si richiede un notevole know-how e capacità realizzativa, occorre evidenziare che la Bernardelli, successivamente alla cromatura interna con deposito di cromo duro esavalente, effettua ulteriori specifiche lappature per rendere la superficie interna lucidissima e con un coefficiente di attrito così basso che favorisce, in aggiunta alle prerogative dette in precedenza, un aumento ulteriore della velocità dei pallini favorendo rosata e penetrazione, essendo in grado di favorire la massima densità nello sciame dei pallini grazie ad una velocità differente.

 

La canna che ci è stata fornita con il Mega calibro 12, è una 68 cm. lunghezza ideale per la caccia classica vagante, con tre stelle di strozzatura. L’abbiamo preferita alla seconda alternativa offertaci, rappresentata da 81 cm di lunghezza ed una stella di strozzatura, che l’Azienda consiglia in particolare per la caccia agli acquatici o al colombaccio.

La rosata espressa sulla placca ci ha dato immediatamente un idea precisa del rendimento. Uno sguardo alla rosata ottenuta a 30 mt di distanza con una cartuccia Fiocchi Traditional-Borra in feltro-Polvere PSB2 1,85g. con 34g di pallini del 7, fa infatti vedere la perfetta distribuzione dei pallini presenti in una percentuale pari al 86% nel cerchio di 75 cm di diametro, in cui non si notano né carenze di distribuzione né accentramenti, con percentuali nei quattro settori praticamente sovrapponibili.

Interessante è constatare che i dati rosata ottenuti ad una distanza superiore (35 mt.) sono di fatto quasi speculari rispetto a quelli ottenuti alla distanza precedente, segno e sintomo delle caratteristiche balistiche offerte da questa canna, di cui il dato più appariscente è dato dalla assoluta compattezza e regolarità di distribuzione.

 

Nel Tunnel di Prova dell’Armeria Innocenti di Prato abbiamo constatato la regolarità sparando in sequenza, anche con cartucce di potenza differente, variando la distanza di fuoco tra 28 e 40 mt con cartucce con 36 grammi di piombo del 7 e dell’8. Mi riferisco in particolare alla Nuova MB Gigante della Baschieri e Pellagri che abbiamo utilizzato nel corso del Test. Questa prova conferma i dati ottenuti in precedenza e che rappresenta certamente l’incisività della fucilata di questa canna, decisamente interessante per i cacciatori che praticano una caccia particolare e specializzata.

Un'ulteriore prova è stata effettuata anche sul terreno di caccia nella Riserva, cacciando con il cane su selvaggina stanziale.

Ci sembra giusto sottolineare che nella riserva abbiamo incontrato animali lanciati alcuni mesi prima, ottimi volatori e molto curati dal gestore della Riserva stessa.

I tiri effettuati in differenti situazioni sotto la ferma del cane, sono stati estremamente efficaci su distanze tra i 25 e 28 metri.

Peraltro tiri su distanze più  significative, su qualche soggetton buon pedinatore, volato lungo e ai limiti del tiro, hanno dimostrato l’efficacia di questa canna che dimostra senza dubbio una notevole capacità di penetrazione.

Nessuno vuole qui affermare che con altre canne il risultato sarebbe stato inferiore, mi sembra evidente, certo è che associando i risultati tecnici ottenuti in placca a distanze progressive e con cartucce a differente balistica, a quelli osservati sul terreno di caccia con ottimi volatori, sia fagiani che starne, non possiamo che essere certi dell’efficacia della “Performer”, sia  in termini balistici che di penetrazione.

Valutando i risultati con canna di 68 cm è lecito anche pensare che utilizzando la canna con la medesima lunghezza  ma con strozzature superiori (9 decimi) predisposta dalla Bernardelli per la caccia vagante in alternativa a quella da noi utilizzata con tre stelle, o addirittura  la versione con lunghezza massima (81 cm ed una stella di strozzatura), i risultati sulla lunga distanza possano risultare decisamente importanti. I risultati inviati a noi per conoscenza dall’Azienda ottenuti dalla Bernardelli durante la fase sperimentale, sembrano dimostrarlo in assoluto, senza tema di errori.

 

Chiudo con una considerazione piuttosto ovvia. Questa Performer, deriva da uno studio molto impegnativo che la Bernardelli ha seguito nel tempo nel suo stabilimento di Torbole e da un impegno sensibile speso per la sua realizzazione, non è come qualcuno potrebbe pensare un prodotto occasionale per scuotere i desideri dei cacciatori alla ricerca dell’assoluta novità.

 

Si tratta di una canna il cui valore tecnico e molto sofisticato, proviene dal Know-how di un Azienda che ha realizzato da sempre doppiette di altissimo livello, note in tutto il mondo per la loro costruzione, la perfezione delle canne e la loro foratura.

Oltretutto non si tratta di una canna sovralesata, e che con la sua partenza di 18,45 è in grado di garantire un ottimo rendimento con qualsiasi tipo di cartuccia.

 

Questi sono fatti innegabili. Poi, come dico sempre nei miei articoli, ognuno è assolutamente libero di scegliere l’arma che desidera per la caccia che pratica.

A noi, come facciamo per ogni test, che si tratti di fucili o di munizioni, va solo il dovere di segnalarla come una novità interessante per gli appassionati che amano cacce e armi particolarmente innovative.

Leggi tutto...
04 Ottobre 2016

Il nome Bernardelli è universalmente associato alla Doppietta, arma realizzata secondo uno schema classico e unico e non sostituibile da versioni aggiornate, più industriali ma non rispettose dei canoni tradizionali.

La costruzione delle Doppiette è interamente realizzata in Italia, nel nuovo stabilimento di Torbole Casaglia, Brescia, e rappresenta al meglio l’eccellenza bresciana con un reale 100% made in Italy.

Il modello Hemingway rappresenta la versione più leggera della gamma di Doppiette Bernardelli. E’ un modello che ha contribuito a perpetrare e consolidare la storia della Bernardelli nel mondo. La Doppietta Hemingway, nella versione Standard oppure De Luxe, adotta delle batterie Anson&Deeley con delle classiche e velocissime molle a V che garantiscono uno scatto dei cani perentorio, con decisa energia di percussione. La bascula è ottenuta per lavorazione meccanica (senza ricorrere a saldatura della coda, come invece avviene in alcuni prodotti della concorrenza). Sia la bascula che il sottoguardia e la croce sono ricavati da stampati in acciaio legato al Nichel-Cromo-Molibdeno. Dopo la lavorazione, questi pezzi sono energicamente temprati e cementati, conferendo sia una elevata resistenza meccanica che una durezza superficiale. La Hemingway può essere dotata di monogrillo selettivo (di istintivo e veloce azionamento con il tipico ed estetico pulsantino posto nella parte anteriore del grilletto) oppure di doppi grilletti.

Un discorso a parte meritano le canne, realizzate da una barra piena in acciaio legato al cromo-Molibdeno da cui si derivano i tubi mediante foratura piena. Successive lavorazioni di alesatura e lappatura definiscono la canna, che risulta esente da stress meccanici e tensioni. In questo modo i tubi risultano molto elastici, a tutto vantaggio delle performance di tiro e di distribuzioni ottimali delle rosate. A differenza di altri produttori, non è previsto l’impiego del monoblocco. Da ciò deriva, al di là di un risultato estetico migliore, una superiore sicurezza rispetto a canne con tubi innestati nel monoblocco. La geometria delle zone del rampone che determinano l’accoppiamento con la bascula è realizzata con la tecnica di massima precisione della elettroerosione a filo.

Nel modello Hemingway, rispetto ad altri modelli Bernardelli, le dimensioni di bascula e canne sono ridotte, rendendola più simile ad un calibro 20. Questa riduzione è stata studiata al fine di ottenere un fucile leggero e nello stesso tempo bilanciato. La Hemingway con canne da 60 cm e strozzature cyl/3 risulta particolarmente adatta e sempre apprezzata per quelle caccie classiche con il cane da ferma quali la beccaccia oppure la caccia in bosco in generale.

I calci e le aste, realizzati in noce scelto con finitura a olio, sono incassati manualmente, in modo da conferire un accoppiamento perfetto con le parti metalliche, rendendo l’arma solida, compatta ed esente da vibrazioni e rumorosità di azionamento fastidiose.

Queste sono tutte caratteristiche che differenziano un’arma di qualità da un’arma più industriale.

Il modello Hemingway De Luxe è sostanzialmente la stessa arma, ma dotata di cartelle lunghe laterali e finemente incise. Legni e finiture particolarmente curate concorrono a formare un prodotto di elite. La Hemingway è disponibile anche nel calibro 20.

Nella gamma di doppiette Bernardelli, le nuove serie "Mira" sono derivate dal modello Hemingway da cui si ricavano leggerezza e funzionalità. Sono presentate nei calibri 12, 20 e 28 e rappresentano la continuità delle versioni Hemingway, mantenendo i canoni classici di costruzione e realizzazione da parte di armaioli specializzati che sono presenti all’interno della fabbrica, nel mantenimento della tradizione e del made in Italy.

Il rapporto prezzo-qualità è senza dubbio ottimale. La versione Hemingway Standard ha un prezzo al pubblico di euro 3.455 iva inclusa, mentre la versione Mira Silver di euro 3.103. La versione De Luxe di Hemingway costa euro 4.689, mentre la versione Gold del modello Mira costa euro 4.196

Le armi sono consegnate in valigetta, in materiale sintetico per le versioni standard e in pelle per le versioni di maggior pregio.

Su richiesta le canne possono essere camerate magnum.

Alla classicità delle Doppiette, Bernardelli da anni ha prodotto una linea di semiautomatici in calibro 12, robusti e affidabili, certamente più industriali, e dove il rapporto prezzo-qualità è proporzionalmente sempre ottimizzato per una distribuzione più di massa e a una diversa tipologia di caccia e cacciatori. Proprio nel 2013 è stata presentata una nuovissima linea di semiautomatici cal.20 della nuova generazione, dove innovazione tecnologica e design si combinano al meglio per poter soddisfare anche i cacciatori più esigenti e con prezzi altamente competitivi. La maggior parte dei componenti, dalla progettazione al perseguimento del design, trattamenti, tecnologie, assemblaggi, prove al Banco Nazionale sono tutti seguiti alla Bernardelli di Torbole Casaglia. Una corretta e razionale sinergia con la Proprietà turca è perseguita in modo da consentire da una parte il controllo e la reale assicurazione di un Made in Italy, dall’altra per ottenere quei costi competitivi necessari per rimanere nei mercati attuali. Certamente i legni o alcune lavorazioni meccaniche sono effettuate in Turchia, in una moderna fabbrica dotata di macchine a controllo numerico dell’ultima generazione.

Anche una nuova linea di fucili a pompa è stata introdotta attualmente da Bernardelli, decisa ad entrare anche nel mercato della difesa, law-enforcement e tiro dinamico.

hemingway scheda1

Leggi tutto...
23 Settembre 2016

Rigore progettuale, semplicità costruttiva, facilità di manutenzione e accuratezza meccanica garantiscono massima resistenza ed estrema affidabilità.

La genialità del Benelli System sta nel rigore progettuale, nella semplicità costruttiva e nella facilità di manutenzione. Tre sono le sue componenti principali: l’otturatore, che funge da massa inerziale e scorre liberamente su guide poste sui fianchi della carcassa, la testa di chiusura e il mollone libero, alloggiato sull’otturatore. Ingegnoso ed efficace è il suo funzionamento. Mentre il gruppo otturatore si porta in posizione di sparo, il perno di rotazione si muove lungo una guida sagomata all’interno dell’otturatore per impegnarne la testa di chiusura. Quando il grilletto è tirato, tutte le componenti del fucile, ad eccezione dell’otturatore, si muovono all’indietro. Contemporaneamente, la molla inerziale viene compressa tra la testina dell’otturatore ed il corpo dell’otturatore stesso. La leva di discesa cartuccia si solleva permettendo così il bossolo di spostarsi dal serbatoio alla camera di scoppio. Verso la fine del ciclo di rinculo, la pressione all’interno della camera si porta ad un livello di sicurezza ed il movimento del fucile rallenta. Successivamente, la pesante molla inerziale spinge il gruppo otturatore all’indietro, sbloccando la testa rotante dell’otturatore ed estraendo la cartuccia sparata dalla camera, spostandola contro l’espulsore. Quando il proiettile vuoto lascia la carcassa, l’energia sviluppata dal gruppo otturatore in movimento riarma il cane e comprime la molla biella all'interno del calcio, successivamente la molla spinge il gruppo otturatore in avanti, sollevando così il proiettile in avanzamento nella giusta posizione ed incamerando una nuova cartuccia. La brevità e la compostezza di questi movimenti uniti ad accuratezza meccanica ed essenzialità costruttiva garantiscono un ciclo di funzionamento senza alterazioni e inceppamenti, massima resistenza ed estrema affidabilità.

Leggi tutto...
24 Aprile 2013
Rigore progettuale, semplicità costruttiva, facilità di manutenzione e accuratezza meccanica garantiscono massima resistenza ed estrema affidabilità. La genialità del Benelli System sta nel rigore progettuale, nella semplicità costruttiva e nella facilità di manutenzione. Tre sono le sue componenti principali: l’otturatore, che funge da massa inerziale e scorre liberamente su guide poste sui fianchi della carcassa, la testa di chiusura e il mollone libero, alloggiato sull’otturatore. Ingegnoso ed efficace è il suo funzionamento. Mentre il gruppo otturatore si porta in posizione di sparo, il perno di rotazione si muove lungo una guida sagomata all’interno dell’otturatore per impegnarne la testa di chiusura. Quando il grilletto è tirato, tutte le componenti del fucile, ad eccezione dell’otturatore, si muovono all’indietro.
Leggi tutto...

Presentazioni della Settimana

  • All
  • Accessori
  • Fucili Lisci
  • Fucili Rigati
  • Munizioni
  • Pistole
  • Default
  • Title
  • Date
  • Random
  • By Armi Italiane / 2013-04-21 00:00:00
    Bernardelli ha sviluppato una nuova canna “Performer” per consentire tiri utili a lunga distanza con grande regolarità di rosata e
  • By Armi Italiane / 2013-04-21 00:00:00
    4HV è la nuova cartuccia con piombo ramato al 5% di antimonio presentata in combinazione con innesco 616 GOLD. Si
  • By Armi Italiane / 2013-04-21 00:00:00
    Un fucile dedicato ad un pubblico più sportivo e raffinato, che ama la "sfida" del piccolo calibro e apprezza le
  • By Armi Italiane / 2013-04-24 00:00:00
    Questo nuovissimo sistema riduce in modo progressivo la sensazione del rinculo, si attiva in modo graduale anche con le cariche
  • By Armi Italiane / 2013-04-24 00:00:00
    Rigore progettuale, semplicità costruttiva, facilità di manutenzione e accuratezza meccanica garantiscono massima resistenza ed estrema affidabilità. La genialità del Benelli
  • By Armi Italiane / 2013-04-24 00:00:00
    I fucili semiautomatici della linea Challenge presso lo stand espositivo Pietta a Las Vegas in occasione dello SHOT Show 2012!
load more hold SHIFT key to load all load all